Abbiamo messo a confronto due storici modelli di gestione dell’IT, in quanto i sistemi informatici sono considerati sempre più cruciali (e strategici) per mantenere la competitività nel mercato e per conseguire migliori risultati aziendali,

Break-Fix

Questo primo modello di gestione, “si rompe e chiamo l’assistenza”, prevede che qualcosa non funzioni, si fermi, crei disagio (le persone in azienda non lavorano o lavorano male), vi sia un danno economico aziendale (mancanza di produttività), sia imprevisto (non so quando si rompe e non so quando avrò bisogno di assistenza) sia costoso (l’intervento non è gratuito), sia urgente (quando si rompe ho bisogno che venga riparato al più presto), crei tensioni operative e psicologiche (ho un problema da risolvere, non posso farlo io e il tecnico è disponibile appena si libera, se mi va bene), si risolva su chiamata (il tecnico interviene perché gliel’ho segnalato), il tecnico guadagni dal guasto (pago qualcuno che mi risolva un problema), non crea certezza di funzionamento (spero che funzioni sempre tutto), non adempie alla normativa (GDPR, ISO27001, Direttiva Cyber Security).

Fa parte di questa logica, l’acquisto di pacchetti ore di assistenza, oppure un contratto a chiamata (pago quello che consumo).

“Chi offre servizi sul modello “break-fix” vive sul guasto del cliente; è suo preciso interesse che il cliente sia in difficoltà tecnica, quindi possa intervenire e fatturare”

Storicamente, il modello break and fix non è focalizzato sulla gestione dell’IT, quanto l’intervenire quando si verifica un guasto.

Questo atteggiamento è dicotomico, da un lato erogo un servizio dall’altro lo erogo sul problema manifesto, quindi più problemi ci sono, più, io fornitore “break & fix”, guadagnerò.

IT Managed Service – MSP

Il secondo è il modello MSP (Managed Service Provider = erogazione di servizi gestiti) è la diretta evoluzione del “break-fix” e mira a fornire servizi IT gestiti, finalizzati alla gestione integrale del sistema informatico aziendale, a canone fisso annuale (flat rate), da gennaio a dicembre di ogni anno.

“L’MSP opera affinchè un sistema informatico funzioni armoniosamente e consenta al cliente di concentrarsi sul suo business”

L’MSP fa squadra con il suo cliente, perchè è un consulente di business, non un semplice fornitore.

Un servizio gestito assicura che un insieme di processi sia allineato a un ben preciso livello di servizio concordato.

L’attività di un MSP si può riassumere in questi 4 punti:

  1. Si prende cura dell’IT: Gestisce ed esegue la manutenzione in modo proattivo;
  2. Fornisce assistenza tecnica remota illimitata (telefono, email, ticket, remote control);
  3. Gestisce i fornitori tecnologici connessi al funzionamento del sistema informatico;
  4. Applica una tariffazione flat, ossia a costo fisso, per tutte le sue attività.

Un MSP è un vero e proprio Partner del tuo Business.

Un MSP prospera sui canoni che tu azienda paghi, pertanto avrà tutto l’interesse a far si che il suo lavoro sia sempre fatto bene, con competenza, professionalità, trasparenza e tu possa concentrarti serenamente sul tuo business (che non è occuparti del backup del server, del pc che non si aggiorna o delle licenze antivirus scadute).

Condividi il post