Digital & Human Transformation

Ci occupiamo di mediazione tecnologica perchè crediamo fortemente che essa sia un fattore cruciale per ogni organizzazione.
Individuare quella più consona e implementarla nella propria organizzazione è una sfida.
Ascolto delle necessità, Analisi dell’offerta tecnologica nel mercato, definizione del piano di implementazione, Assistenza all’implementazione, Addestramento all’uso della stessa e all’armonizzazione delle conoscenze degli operatori, verifica periodica delle necessità e delle tecnologia, sono gli abituali passaggi del nostro approccio.

Domande frequenti

Chi è il mediatore tecnologico?

E’ un professionista, assimilabile ad un responsabile aziendale, con competenze trasversali (economiche, giuridiche, informatiche, organizzative, formative, comunicative) che si pone come interlocutore nei confronti del titolare e dei responsabili nell’ambito della scelta tecnologica con riferimento ai processi organizzativi.

Che cosa fa?

Ascolta le necessità aziendali, analizza le possibili soluzioni tecnologiche, si occupa di seguirne l’implementazione e fornisce supporto successivo.
Lavora come responsabile con i responsabili, al fine di mantenere efficienti ed efficaci i processi che poggiano sui fattori tecnologici.

Perchè questa nuova figura professionale?

La figura del mediatore tecnologico si afferma in relazione al ruolo strategico che le tecnologie hanno assunto all’interno delle aziende.
Si pone come soggetto terzo, tra l’azienda e i fornitori, mediando e lavorando con loro al fine di individuare la tecnologia utile e necessaria all’azienda stessa, svincolando, quindi,  il soggetto azienda dai processi commerciali posti in atto da un fornitore.

Quanto costa?

Le sue spettanze sono simili a quelle di un consulente. Abitualmente esegue un preventivo con indicate le attività e il valore economico delle stesse.